L’amore secondo Frank

Non ho mai conosciuto un uomo più buono e più onesto di Frank.

Frank Il forestiero, venuto da lontano sul finire degli anni settanta, con i suoi tratti un po’ nordici, i suoi occhi azzurri e il suo metro e ottantacinque centimetri di statura che fanno di lui un tipo troppo poco convenzionale per gli abitanti di quel paesino ai piedi Sila, di certo non avvezzi alle novità.

Frank che “per amare vostra figlia, cosa devo fare?”.

Frank che ogni due per tre torna da lavoro con un cagnolino, un gattino, un riccio, una tartaruga, un rospo (!) trovati lungo la strada di casa. E le bambine esultano. E Teresa si arrabbia, eccome se si arrabbia!

Frank Il severo. Frank Il burbero. Frank che “tu stasera scordati che esci”.
Frank che si presenta alle feste della scuola per prelevare le ragazze in piena età adolescenziale, portando loro in dono il suo sorriso sornione e un chilo e mezzo di imbarazzo.

Frank che va a funghi, per i boschi della Sila. Frank che una volta ci rimane, in quei boschi, di notte, con i cinghiali, al chiaro di luna. Frank che per questo gli dedicano un articolo su un giornaletto della zona, e “questi sono scemi, hanno scritto che ho 61 anni, mica sono così vecchio!”.

Frank che dipinge un pappagallo colorato sulla parete della cameretta.
Frank che costruisce un forno a legna “così Teresa quando le ragazze tornano ci può cuocere le pizze”, e la cupola esterna la decora con tanti gusci di capesante capovolti.
Frank che la sua spiccata vena artistica è inversamente proporzionale alla sua capacità di gestire l’economia domestica, che meno male che c’è Teresa!

Frank che la sua zuppa di pesce è più buona di quella che fanno nel migliore ristorante di Isola Capo Rizzuto.
Frank che d’estate esce di casa all’alba e senza niente a nessuno prende la macchina e raggiunge il porto di Crotone, dove contratta con i pescatori che tornano dal mare per aggiudicarsi la paranza migliore, “così Teresa oggi può fare le alici”.
Frank che una mattina d’agosto spalanca senza preavviso la persiana della cameretta mentre le ragazze dormono ed esclama “sveglia! oggi il cielo è talmente limpido che si tocca Soverato con un dito!”.
Frank che al mare ti prende in giro perché “ha la testa piena d’acqua”.

Frank Il tuttologo. Frank che legge tutti i volumi della Treccani che le ragazze usano per le ricerche della scuola. Frank che se la storia me la avessero insegnata come la conosce lui mi ricorderei tutto. Frank che la sua cultura io me la sogno, malgrado gli anni di studio, il diploma e la laurea, che se all’università ci fosse andato lui adesso sarebbe di sicuro anche Frank Il professore.

Frank che fuma da quando aveva quindici anni. Frank che ha un fisico da fare invidia a tutti quelli della sua età.

Frank che non può essere. Frank che non ci crede quando gli dicono che Teresa li avrebbe lasciati, che i medici si sono sbagliati. Frank che non si tira mai indietro. Frank che come riesce a darle da mangiare lui, nessuno. Frank che accudisce Teresa fino alla fine, e le tiene la mano.

Frank che non si rassegna. Frank che si chiude in se stesso. Frank che non è giusto.
Frank che niente è più come prima.
Frank che non gli importa più dei fiori, del giardino, dell’orto e dei pomodori.

Frank che in in quel paesino ai piedi della Sila ci vive ancora.
Frank che adesso è lui a dover badare a se stesso. Frank che fa la spesa, si prepara la cena quando torna da lavoro la sera, tiene in ordine la casa (“anche se non sarà mai come quando c’era Teresa…”), fa il bucato.

Frank che adesso ci va da solo a trovare le ragazze, e le porta a vedere la semifinale di Champions nel pub di piazza Nizza, “che stasera gioca la Juve”.

Frank La roccia.
Frank che non è stato facile, ma forse, adesso, sorride di nuovo.

Frank che in mezzo a tanto dolore, alla fine, la vita ha ricominciato ad amarla.

A modo suo.
Come sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...