L’attesa (secondo Erri De Luca)

– Perché esiste l’attesa?
– L’attesa di che cosa?
– Se mamma non viene, tu l’aspetti?
– Certo.
– Se manca la luce, aspettiamo che torni?
– Non riesco a seguirti, ma non fa niente. Sì, aspettiamo che torni.
– Per ogni cosa che fa tardi e bisogna aspettare, noi siamo sempre in attesa?
Papà, se io non voglio stare in attesa e voglio stare senza attesa, posso?

Allora interruppe di radersi, aprì del tutto la porta e, come se avesse capito una cosa, non so quale, disse solo così “Se tu sarai capace di stare senza attesa, vedrai cose che gli altri non vedono”. Poi aggiunse ancora “Quello a cui tieni, quello che ti capiterà, non verrà con un’attesa”.

Lo guardai con tutto il campo degli occhi.

Non seppi domandare. Non capii la risposta, ma non ho dimenticato.
Quel giorno mi distolsi dalle attese, imparai a non attendere.

[Erri De Luca, Non ora, non qui]

 

IMG_20180127_001720_985

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...