Lo dicono tutti

C’è che prima o poi succede. Lo dicono tutti.

C’è che d’un tratto arriva, quel bisogno di appartenenza. Il sospetto, sempre temuto, di non bastarsi – non sufficit.

C’è che ci si stanca di tastare continuamente con i palmi delle mani lo spazio retrostante per sincerarsi che la rete di protezione sia sempre lì, avvolgente certezza, limite insuperabile.

C’è che ci si rassegna all’inclemenza del tempo e al fatto che la fedeltà, ai propri principi e a se stessi, ha un prezzo, e che si è disposti a pagare tutto, senza chiedere sconti.

C’è che all’improvviso arriva una ventata di aria fresca che fa mulinellare le cartacce agli angoli delle strade e rotolare i mozziconi sparsi qua e là, portandosi via frasi perdute, ricordi e nostalgie.

C’è che in quel momento ci si accorge di pensare che si sta vivendo. E l’umore cambia.

E tutto ha di nuovo un senso.

È così che va.

Lo dicono tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...